Vai al contenuto


Mi Presento


1 risposta a questa discussione

#1 Zonny70

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 0 Messaggi:
  • Iscritto il: 19-marzo 18
  • Moto: Altro
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Lombardia

Inviato 19 marzo 2018 - 19:29

CIao a tutti sono Max, ho 48 anni e da parecchi anni appassionato del glorioso marchio di Schiranna.
Da quando ho riscoperto il mitico mondo delle vecchie 125 2T ne ho restaurate alcune:

1 elefant 2 125 1985
1 gilera RV 125 1985
3 elefant 2 200 1986
1 aletta oro s1 125 1985

ora ho appena terminato una freccia c12R del 1989 sulla quale ho dei dubbi per la carburazione.
Di serie la moto monta un PHBH28 RD con carburazione come da manuale ovvero:
getto max 132
getto min 44 (getto emulsionatore del minimo)
spillo X31 (terza tacca dal basso)
getto avviamento 65
getto potenza 90
valvola gas 45
valvola spillo benzina 250
galleggiante gr. 6,5
vite aria aperta di 1 giro

Con questa carburazione parte subito,tiene il minimo ma nel salire di giri scoppietta e non sale bene oltre a fare parecchio fumo (i difetti sia a caldo che a freddo).
Trovo inoltre gocce di benzina incombusta in uscita dal silenziatore.
Ho provato a cambiare il PHBH 28 RD con un PHBH 28 ND mantenendo la stessa configurazione di cui sopra tranne il getto del minimo che nel ND è un classico getto e mettendo un 60.
Netto miglioramento per quanto riguarda il problema nel salire di giri ma la fumosità non si è ridotta di molto, sono diminuite le gocce di benzina incombusta allo scarico.
Il manuale di questo carburatore per la C10 da valori di getti,spilli etc diversi rispetto all'attuale configurazione.
Ieri ho provato ad abbassare il getto minimo a 45 (valore che da il manuale della c10), ho sostutuito il pacco lamellare (non nuovo) ed abbassato la tacca spillo (ora seconda dal basso).
Smontando il pacco lamellare precedente ho trovato parecchia benzina in esso.
Il secondo pacco lamellare ora montato sembra avere le lamelle piu' rigide rispetto al primo.
Il risultato ora con queste sostituzioni (getto min, pacco lamellare) è il seguente:
moto incarburabile, non gira bene, non tiene il minimo anche regolando la vite miscela oltre i 3 giri.
Se però tengo lo starter tirato anche di poco la situazione migliora molto (tiene il minimo e gira meglio).
Di solito questo è sintomo di una carburazione magra al minimo.
Chiedo ai più esperti se:
potrebbero essere anche le lamelle troppo rigide che non si aprono bene?
che getto minimo mi consigliate per ND?
cosa può causare il problema sopra descitto del RD?

Vi ringrazio in anticipo e resto a disposizione per eventuali vostre domande
Saluti
Max

#2 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6.209 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-ottobre 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 19 marzo 2018 - 21:42

Visualizza MessaggioZonny70, il 19 marzo 2018 - 19:29, ha scritto:

CIao a tutti sono Max, ho 48 anni e da parecchi anni appassionato del glorioso marchio di Schiranna.
Da quando ho riscoperto il mitico mondo delle vecchie 125 2T ne ho restaurate alcune:

1 elefant 2 125 1985
1 gilera RV 125 1985
3 elefant 2 200 1986
1 aletta oro s1 125 1985

ora ho appena terminato una freccia c12R del 1989 sulla quale ho dei dubbi per la carburazione.
Di serie la moto monta un PHBH28 RD con carburazione come da manuale ovvero:
getto max 132
getto min 44 (getto emulsionatore del minimo)
spillo X31 (terza tacca dal basso)
getto avviamento 65
getto potenza 90
valvola gas 45
valvola spillo benzina 250
galleggiante gr. 6,5
vite aria aperta di 1 giro

Con questa carburazione parte subito,tiene il minimo ma nel salire di giri scoppietta e non sale bene oltre a fare parecchio fumo (i difetti sia a caldo che a freddo).
Trovo inoltre gocce di benzina incombusta in uscita dal silenziatore.
Ho provato a cambiare il PHBH 28 RD con un PHBH 28 ND mantenendo la stessa configurazione di cui sopra tranne il getto del minimo che nel ND è un classico getto e mettendo un 60.
Netto miglioramento per quanto riguarda il problema nel salire di giri ma la fumosità non si è ridotta di molto, sono diminuite le gocce di benzina incombusta allo scarico.
Il manuale di questo carburatore per la C10 da valori di getti,spilli etc diversi rispetto all'attuale configurazione.
Ieri ho provato ad abbassare il getto minimo a 45 (valore che da il manuale della c10), ho sostutuito il pacco lamellare (non nuovo) ed abbassato la tacca spillo (ora seconda dal basso).
Smontando il pacco lamellare precedente ho trovato parecchia benzina in esso.
Il secondo pacco lamellare ora montato sembra avere le lamelle piu' rigide rispetto al primo.
Il risultato ora con queste sostituzioni (getto min, pacco lamellare) è il seguente:
moto incarburabile, non gira bene, non tiene il minimo anche regolando la vite miscela oltre i 3 giri.
Se però tengo lo starter tirato anche di poco la situazione migliora molto (tiene il minimo e gira meglio).
Di solito questo è sintomo di una carburazione magra al minimo.
Chiedo ai più esperti se:
potrebbero essere anche le lamelle troppo rigide che non si aprono bene?
che getto minimo mi consigliate per ND?
cosa può causare il problema sopra descitto del RD?

Vi ringrazio in anticipo e resto a disposizione per eventuali vostre domande
Saluti
Max

Le tarature base dei modelli Freccia/Mito sono molto grasse di base, in quanto studiato per il livello del mare e a 0°C, rimetti il suo carburatore e abbassa completamente lo spillo, rifai la prova, poi vedi se devi ridurre il getto del massimo e/o il power jet

leggi anche qui

Messaggio modificato da a7n8x il 19 marzo 2018 - 21:43

Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitivitÓ e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtÓ Ŕ un cerchio".





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi