Vai al contenuto


Aprilia Classic 50 Blocco Mito 125



129 risposte a questa discussione

#1 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 02 January 2020 - 18:24

Ciao a tutti, sono iscritto da un pò sul forum e non ho ancora presentato la mia moto, ho un aprilia classic 50 blocco cagiva mito 125 7 marce Immagine inserita, una moto che è con me da 7 anni, ho scelto di trapiantargli il blocco mito per avere un motore performante mantenendola 2t, la comodità della sella e ciò che più mi piace di questa moto, ed è una gran moto anche da originale, divertente da guidare e ottima per usarla per spostarmi per lavoro e usarla in estate nel tempo libero, di certo non piega come una sportiva ma è davvero ottima a piegare pur essendo una custom, il motore l'ho acquistato di seconda mano trovato a poca spesa in perfetto stato, la frizione sembra ottima stacca molto precisa (ho solo cambiato l'olio motore) e il motore alla prima accensione dopo tanta inattività è partito al 3 colpo, ho già fatto due anni di uso facendo pochi km ogni giorno, vi riassumo tutti i lavori di motore e ciclistica fatti e poi vi scrivo cosa voglio ottenere da questo motore:
MECCANICA
-come motore ho un blocco probabilmente derivato dalla mito racing, 7 marce senza kickstarter, cilindro 66650E, testa 200A, impianto kokusan originale con generatore 3 poli senza pickup, pacco lamellare 8 petali con guidaflussi originale raccordato per il collettore mikuni 35 (all'acquisto montava il collettore del 28 che era crepato), dentro non l' ho smontato il motore essendo perfettamente funzionante ho preferito non toccare nulla per ora, piano piano farò un lavoro mirato su tutto
-carburatore vhsh30 dellorto adattato per il miscelatore e fatta una boccola per il collettore mikuni 35, lucidato a specchio e rimosso lo scalino all inizio del cornetto venturi e nella valvola gas, montavo prima un vhsb34 anch esso lucidato, molti sul forum lo snobbano per i consumi, devo dire che se tarato e preparato a dovere non va male, ma col 30 la moto va di più e consuma anche meno
-scarico non è un granché, è di un honda cr125, sto ultimando uno scarico artigianale che parte dal progetto di una "monza passaggio alto", ma risulta molto più grande di diametri (ovviamente non esagerati) e più corta di quest'ultima, il silenziatore è provvisorio creato con un tubo e una canna forata improvvisata, ho già un terminale arrow titanium derivazione husqvarna sm125 che è stato rettificato nel diametro per togliere uno strozzo di convergenza, lo monterò con lo scarico che mi manca saldare e ribattere
-rapportatura 14/40 catena
-qua forse mi odierete, ho abolito la cts elettronica (non funzionava più, centralina e motorino cts k.o., sono riuscito solo a riparare il motorino cts) e faccio funzionare la valvola senza centralina ne motorino con un sistema con l'acceleratore, in pratica ho collegato allo sdoppiatore il filo che tirava la cts usandone uno più lungo possibile, la valvola comincia ad aprire dopo i 3/4 della corsa del gas a 9 mila giri (premetto che conosco il funzionamento della valvola ed ero il primo a pensare che questo sistema era penalizzante, ma adesso posso dire che va meglio di quando funzionava normalmente, ho fatto piu prove, usando il gas nel modo giusto riesco a ottenere un accelerazione identica a quando si da full gas in marcia a bassi regimi), inoltre il motorino cts crea problemi con l'anticipo originale, per cui lascio questo sitema, economico, facilmente tarabile e meno rogne
-regolatore di tensione piaggio beverly 125 adattato, molto meglio dell'originale, carica perfettamente anche con luci accese
CICLISTICA
- forcelle cagiva mito steli rovesciati 40mm (non ho ammortizzatore di sterzo), lavorata la piastra inferiore per far girare meglio il manubrio e fatti i risers sulla piastra superiore per un manubrio dritto da 22mm, la posteriore è l'originale del classic ma ho rinforzato l'aggancio, monoammortizzatore originale classic
-telaio rinforzato ma leggero
-radiatore piaggio hexagon 125/150/180
-ruota post. aprilia pegaso 125 (120/80 17 pollici), ant. pegaso 650 (110/80 19 pollici)
-impianto frenante posteriore pegaso 125 con leva classic adattata, anteriore tubo in treccia, pinza da scooter (la brembo era inutilizzabileperchè toccava coi raggi) e leva cagiva raptor 125
il mio progetto su questa moto è ottenere più cv possibili, mantenendo consumi contenuti e più affidabilità del motore standard, ho già fatto una lista di tutti gli accorgimenti di meccanica da fare, ciclistica sinceramente volevo solo montare una gomma posteriore da 130 e stop,scrivo in un secondo messaggio gli accorgimenti di meccanica che ho in mente di fare

#2 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 02 January 2020 - 19:51

Sono molto appassionato dei 2t e mi piace sperimentare anche cose nuove mai provate da altri, avendo già scritto prima il mio obiettivo non mi concentro su avere tantissimi cv all' estremo, ma cercarne di ottenere il più possibile con una preparazione diversa dalle solite di questo forum, se volete consigliarmi su qualcosa mi farebbe piacere, vi mostro le mie idee:
-inanzitutto volevo partire con i carter, che credo sia la cosa piu importante per questo motore, volevo scatolare il contralbero, e se non sbaglio dovrebbe avere anche l'ingranaggio meccanico contagiri nel blocco e voglio toglierlo (i giri li conto con un segnale alternato, collegato alla bobina, quindi è inutile quell'ingranaggio), il miscelatore vorrei mantenerlo per comodità, magari lo revisionerò molto accuratamente, e rifinisco i condotti carter, sul contralbero chiedo un aiuto a chi ha già fatto il lavoro di scatolatura se magari mi possono mostrare qualche foto in come viene eseguito questo lavoro, se non sbaglio rimane a contatto con l'olio solo un cuscinetto
-lavorare la testata o realizzarla da 0, sistemando il decentramento foro candela di serie, portando lo squish a 0.9 o 1mm, lasciando il pistone bombato bifascia, a cui applicherò piccoli accorgimenti con microfori e altre cose
-come albero motore pensavo all'idea di portarlo a corsa 54 a 135cc, usando un albero cagiva wmx o elefant 190/200 (dovrebbe essere quasi lo stesso blocco della mito, infatti in cagiva hanno mantenuto lo stesso blocco della 125 per poter correre con facilità con cilindrate superiori cambiando solo cilindro e biella, conicità albero volano compatibile, frizione da adattare, c'è chi è riuscito ad adattare il cestello mito su wmx 125 versione pignone a sx, per cui non dovrebbe essere un problema) adattando la biella per i pistoni standard e cilindro che ho già, ma sicuramente ci vorrà molto tempo e tanto studio per cui per adesso accantono il progetto e lascio la corsa originale del motore, mi limito a bilanciare l'albero di serie
-il cilindro voglio lasciare il 66650E per com'è con le fasature, piuttosto mi concentro a sistemare le imperfezioni, e a raccordare la boccola di scarico a 35mm per la nuova espansione, se devo modificare qualcosa dipende come si comporta la moto
-pacco lamellare ho un 6 petali derivazione husqvarna 125 e l'8 petali nel blocco motore, valuterò quale adoperare o se lavorare l'8 petali a 4 petali, crearmi il guidaflussi da me, ho letto in una discussione che il pacco lamellare non si raccorda perfettamente con le luci del cilindro, controllerò quando sarà il momento opportuno
-carburatore lascerei il vhsh30 anche se prima di comprare quest'ultimo volevo provare un vhsb36 venturi tondo, in alternativa un phbe36 o phsb 36, per adesso lascio il 30, consuma veramente poco e non va male, ma volevo provare a montare un powerjet meccanico sul 30
-accensione: ho deciso di non usare la centralina zeeltronic, volevo provare ad usare una elven research gpx 12V a batteria con pickup, e sostituire volano e statore adattando un volano di un minarelli verticale (aprilia amico 50) che ha già il pickup (mi è stata regalata), tralasciando il fatto che mi costa meno, ho qualche vantaggio extra rispetto la zeeltronic, ovviamente andrà adattata la concità del volano
-avviamento a pedivella: ho avuto una piccola idea sperando di attualizzarla in futuro per il mio mezzo uso stradale: oltre al volano mi è stato regalato dallo stesso scooter un kit di messa in moto a pedale, ho pensato che il kickstarter delle moto rimangono con un ingranaggio in rotazione con la frizione e a bagno d'olio, ma lo preferisco al motorino avviamento che costringe ad usare una batteria pesante appesantendo il mezzo e assorbendo tanta energia da essa, dunque per evitare attrito mantenendo comunque un sistema avviamento ho pensato di crearmi un "kickstarter" sul volano, in pratica il sistema rimane identico al kickstarter scooter, rimane solo un ingranaggio connesso al volano che fa solo un po di massa volanica quasi impercettibile e inferiore alla corona d'avviamento, molto facile reperire i ricambi da qualunque scooter con questo sistema (l'unica seccatura è realizzare il coprivolano con le sedi ingranaggi ma fattibile), cercando su youtube: "Autodesk inventor piaggio cvt trasmission" vedrete il funzionamento del kickstarter su scooter, come vedete a 2:40 c'è un ingranaggio a mezzaluna sul pedale, poi si trova un ingranaggio elicoidale che trasmette la rotazione a un ingranaggio dentellato connesso ad esso, che si collega al variatore, che ha un ingranaggio dentellato, chiamiamolo "complementare" per comodità, infine si ritira la ruota dentellata con l'ingranaggio elicoidale tramite una molletta fissata nel copricarter, io voglio mantenere tutto uguale, solo che l'ingranaggio "complementare" va al volano rimanendo in rotazione e non al variatore
Ovviamente molte idee sono difficili da attualizzare tutte quante, per cui per adesso mi concentro su espansione, raccordare la boccola, sostituire il pacco lamellare o lavorare quello attuale, lavorare la testata, lavorare i carter e bilanciare l'albero motore, poche cose alla volta anche perché lavoro e non sempre ho tempo, ma sicuramente proverò questo sistema di avviamento, sono sicuro che è fattibile se ci si spende del tempo, magari posso anche essere preso per pazzo ma mi piace sperimentare con nuove strade di sviluppo per questo motore, perché molte persone preferiscono seguire consigli già provati da altri e mai provare qualcosa di diverso, ringrazio chi ha la pazienza di leggere tutto :biggrinthumb:

#3 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 03 January 2020 - 11:37

Sul portale troverai molte informazioni dettagliate sulla meccanica e elettronica della Mito.
https://www.mitoclub...rticoli-tecnici

Alcune soluzioni che vuoi adottare si possono fare anche in modo decisamente più semplice, come l'avviamento a leva (kickstarter), leggi gli articoli sul portale. In linea di massima tutto quello che vuoi fare non è difficile in se, ma richiede tempo.

Molto furba la soluzione che hai usato per la CTS, immagino che senti l'acceleratore diventare più duro quando azioni anche la valvola, normale il fatto che non risenti di grosse differenze tra un azionamento completo ed un 3/4 dell'acceleratore.

In realtà il foro candela è centrato, ma con il tempo si hanno deformazioni ed anche i vari torni non sempre sono perfettamente allineati (motivo per cui si cerca di fare tutto il pezzo senza mai spostarlo).

Per un 125 da 12000 giri/minuto a temperature ambiente miti, la misura minima di carburatore necessaria per evitare che questo vada a limitare la resa del motore è di 34mm, ovviamente non si perde troppo con un carburatore poco più piccolo e non si guadagna praticamente nulla (o quasi) con carburatori più grandi, a meno che non permetta determinate soluzioni (già con i phbh si ha a disposizione tutte le soluzioni).

Messaggio modificato da a7n8x il 03 January 2020 - 11:44

Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#4 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 03 January 2020 - 13:03

Ti ringrazio, ho letto molte guide e molte discussioni sia su questo forum sia su un gruppo di appassionati di 2t, dove vedo anche le prove degli altri e le innovazioni sui motori a 2t, ci fa parte in questo gruppo anche gente che ha lavorato ad Aprilia rsa125, ovviamente pratica e teoria vanno assieme, io sono del parere che le cose vanno provate, infatti la teoria è un discorso generico, la pratica può farti capire molte più cose, sempre meglio il “prova e vedi”, come impressioni su questo motore devo dire che supera tranquillamente i 12 mila giri, sicuramente il 66650E è un cilindro che tira molto in alto, facilmente reperibile da Cagiva enduro come gli originali w8 ma anche supercity 125, ho un tachimetro dsp sys, una persona mi ha costruito un modulo per il contagiri molto preciso, ho problemi con questo tachimetro quando segna 80km/h, L ho già settato per il numero di magneti nel cerchio, la distanza dal centro ecc come nel manuale ma forse sarà il pezzo che rileva il segnale dai magneti il problema, ho fatto un sacco di prove e ho ancora problemi, in caso cambio strumentazione più avanti, magari una stile moto custom, oppure riparo la mia
Interessante ciò che hai detto sulla testata, quando smonterò il motore per una manutenzione generale vedrò nel dettaglio come ovviare a questo problema, si L acceleratore risulta un pelo più duro, normale dato che la valvola si va ad incrostare, questione di abituarsi ma nemmeno cambia chissà quanto, di certo ti fa capire subito che quando non si gira più la manopola va pulita la cts, un ottima alternativa al motorino, i sistemi elettronici dopo un po’ si rompono e preferisco averla così o pneumatica, ho visto alcuni ragazzi usare attuatori pneumatici, per questa valvola avevo provato a convertirla in pneumatica, avevo provato a rimuovere la molla interna della sede per vedere se come nei motori husqvarna la cts si apriva spontanea con i gas, nella speranza che fosse quella molla a fare da resistenza, ma non funziona per colpa dell inclinazione stessa della cts, andrebbe fatto un attuatore o un foro dove ci passano i gas e spingono la cts per aprirla con un circuito studiato apposito, e come resistenza usare una molla esterna fissata con registro per farla tornare indietro quando la pressione dei gas cala, sinceramente preferisco il mio sistema, alla fine provarlo rispetto L elettronica originale ci paghi solo un filo, qualche registro e un serrafilo, una soluzione semplice ma rapida, non penalizza per nulla al contrario di ciò che pensavo prima, ho provato cronometrando partendo a 10kmh a 4 mila giri circa con valvola bloccata chiusa sia accelerando progressivamente a una certa velocità sia dando subito full gas, usando un app al cellulare, ho ottenuto la stessa identica accelerazione, per cui il sistema non penalizza per niente L uso dell acceleratore si bassi e agli alti funziona anche meglio perché accelerando sempre con una certa progressione la valvola da una bella spinta perché apre progressiva come una pneumatica, ovviamente se si sa usare bene il gas altrimenti se si da di botto al massimo la moto va di meno
Per lo scarico mi manca aggiustare solo una curva, per i pochi spazi ho dovuto crearmi L espansione da 0, vedendo un po quelle dei kart tm kz r1 (194 gradi di scarico come il 66650E se non erro, ovviamente le guarnizioni di diverso spessore possono cambiare le fasature) e vedendo anche Monza ed sp95 della Mito, con la scusa userò il pacco 6 petali o L 8 lavorato a 4 petali con il carburatore che ho già, il vhsh30 è stabile agli sbalzi nonostante lo monto senza filtro (per forza non ho spazio per l airbox) solo con una retina al Venturi da zanzariera, pensavo di fargli un powerjet più avanti, vi aggiornerò con qualche foto
Carburatori più grandi o più piccoli è tutta questione di messa a punto per far andare il motore a dovere, ovviamente nessun carburatore si adatta facilmente a qualunque motore, gli unici che preferisco oltre ai dellorto sono SmartCarb, dalla lunghezza condotto e valvola sono quasi identici ai dellorto, cambia che nella valvola gas hanno un rigonfiamento centrale stile kehin, i diffusori sono tondi ma leggermente ovali nella parte inferiore, credo serva per unire i vantaggi dei carburatori con diffusore ovale con quelli tondi, ma la cosa più bella che hanno un circuito di pressione che va a finire nella vaschetta, e si regolano quasi solo dallo spillo e i getti si tarano una volta sola, per quello che costano però lascio il dellorto 30

Messaggio modificato da alessandroclassicmito il 03 January 2020 - 13:11


#5 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 03 January 2020 - 16:53

Per i giri potrebbe arrivare tranquillamente a 14000 (uso stradale) o 16000 (uso pista), i limiti di 12000 sono principalmente per l'elettronica originale (qualsiasi essa sia) e l'espansione (escluse poche annate), alla fine anche con il 28 si riesce a raggiungere quei giri, ma non si avrebbe la massima potenza (differenze minime).
Il discorso era solo per un eventuale cambio, per non limitarsi pensando che una misura sia troppo grande o che (nel motomondiale era usato il 42).

Messaggio modificato da a7n8x il 03 January 2020 - 17:27

Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#6 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 04 January 2020 - 12:49

Eh si il 42 un bel carburatore, di certo un diametro troppo grosso farebbe solo rumore alle lamelle su un motore non preparato a dovere, comunque a proposito di elettronica volevo un chiarimento, se io volessi adattare tutta l’accensione dello scooter minarelli, quindi volano e alternatore 6 poli, sul blocco mito, oltre a rifare il cono al volano, risolvere il problema chiavetta e la piastra specifica con le asole per ospitare l’alternatore, devo utilizzare il regolatore di tensione originale minarelli o va visto a seconda del comportamento della moto?
Per la centralina programmabile non dovrebbe essere un problema perché il segnale lo prende tutto da batteria 12V e pick-up esterno a differenza della zeeltronic della kokusan (che forse lo prende dall’alternatore) e dovrebbe essere compatibile per impianti autocostruiti, quindi in teoria nessun problema adattare la elven per qualunque accensione con pick-up anche se uso l’alternatore
Mi riferisco alla elven gpx 12V, nel sito dice così: “E' un dispositivo da abbinare ad impianti autocostruiti formati da un rotore ed un pick-up, in modo da poter mappare la curva anticipo accensione del proprio motore ;non necessita di impianti dedicati,ma preleva energia da una batteria a 12V.”

#7 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 05 January 2020 - 12:34

Per l'alternatore devi vedere se la porzione che genera il segnale del pick up è simmetrico nei due versi o meno (se simmetrica non hai problemi nel farlo girare al contrario rispetto allo scooter), per il cono valuta se è possibile lavorare il cono dell'alternatore o ricrearne uno (fai saltare i rivetti e metti un cono d'accoppiamento diverso), per la posizione del segnale non dovresti avere problemi in quanto appunto adotterai un accoppiamento conico adattato e comunque puoi fare una piastra d'adattamento che ti permette di correggere la posizione.
Per il regolatore di tensione dipende da quello che vai a mettere rispetto a quello che hai, se vai a mettere un alternatore con un numero di fasi diverso o più potente, devi cambiare regolatore di tensione.
Fai sempre attenzione all'energia fornita dall'alternatore e quella totale consumata dai vari carichi, devi avere se possibile almeno un margine del 50%, altrimenti non riusciresti a caricare la batteria come si deve.

La questione è che se vuoi risparmiare peso, forse ti conviene vendere la elven gpx 12V e questo alternatore scooter, mantieni l'alternatore originale e prendi la centralina zeeltronic, che non necessita di batteria (l'impianto luci e strumentazione puoi farlo andare anche senza batteria), in quanto prende sia il segnale che l'alimentazione dall'alternatore, oltre al fatto che ti risparmi parecchio lavoro.
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#8 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 05 January 2020 - 18:05

Come peso la moto è leggera. A secco pesa circa 99kg o 100 e qualcosa, non tanto, la zeeltronic sicuramente è una soluzione più semplice perché fa una correzione automatica per ogni rpm, quindi se imposto un valore a 3000 giri e un altro a 4000 giri mi fa una specie di “interpolazione”, la curva del grafico la corregge a suo piacimento tra i 3k e 4k ma non perfettamente come voglio io (ho controllato nel sito) invece con la elven da 3000 a 4000 giri posso programmare a passi di 100 giri (3100,3200 ecc), quindi la curva mi dovrebbe venire forse poco più spigolosa ma se fatta bene viene “più precisa”, costa meno e ha più funzioni se voglio aggiungerne, partirò come anticipo dalla “curva ideale” mostrata su “impianto accensione e centraline”, come riferimento base per poi mappare piano piano facendo attenzione, per l’impianto luci le ho tutte connesse dirette alla batteria e non da alternatore come era prima originale e ho convertito tutto a led riducendo di parecchio l’assorbimento con più illuminazione (ora dato che le frecce originali hanno quasi 30 anni sto montando delle frecce è un relé nuovo da 5W che assorbono metà energia rispetto le originali e fanno più luce), assieme all’anticipo con la scusa abolisco il motorino avviamento e la corona dentata al volano e provo la mia idea dell avviamento da scooter a pedale sul volano, altrimenti un kickstarter Cagiva prendendo un motore w8 o k7 da tenere anche per ricambi, se riesce il progetto mio invece posterò delle foto del lavoro che ho fatto

#9 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 27 January 2020 - 18:34

AGGIORNAMENTO:
Mi ha contattato un mio amico possessore di una mito ev e ha trovato un'offerta assurda su internet: ha trovato un motore cagiva w8 completo tranne pacco, collettore e carburatore a prezzo molto basso (motore non grippato, montato ma non acceso, in ottimo stato) e ci stiamo dividendo il motore per tenerci qualche ricambio di scorta, sostiuire pezzi che ci potrebbero interessare per i nostri motori cagiva e il resto che non serve eventualmente venderlo a pezzi e dividerci i guadagni, e abbiamo deciso come dividerci i ricambi interessati,mi sta cedendo questi pezzi: kickstarter completo, testata (colore grigio, non so se sia 200c o 200h, in ogni caso spero sia migliore della 200a che monto attualmente, chiaro che per la 200h serve il suo pistone e avendone 2 lavorerò squish, camera di combustione ecc), carter vuoti (ho intenzione di studiarli per fare piccoli accorgimenti), pompa acqua, albero motore, pvl (il blocco forse era montato su kart, in quanto il miscelatore è abolito e la pvl è gia fissata nel volano), boccola di scarico ed eventualmente prendo anche la trasmissione 6 marce se da qualche differenza rispetto la 7 (anche come peso), lui prende clindro 66650E (montato di serie su cagiva w8, k7, supercity e mito racing), cestello frizione, controalbero, cts, coprivolano (somiglia a quello tutto d'un pezzo del kit sp) il venditore ci ha omaggiato anche un accensione kokusan standard+ volano kokusan, miscelatore originale, copripignone forato, e qualche altro componente
il motore dovrebbe arrivarmi domani e lo smonto assieme al mio amico, e approfittando dell'occasione volevo informarmi meglio sull'accensione a pedivella, dato che ho intenzione di abolire motorino avviamento e corona avviamento:

-la corona d'avviamento si può smontare senza dover anticipare lo statore?

-ho letto che il kickstarter assorbe un po di energia facendo attrito, e vedendo un esploso del kit mi sembra che abbia due ruotine dentate, di cui una che si collega tra frizione e ingranaggio dell'alberino (forse serve per invertire il senso rotazione), volevo sapere se rimanevano in rotazione tutti e due gli ingranaggi o solo quello centrale, e capire se è un forte attrito o quasi trascurabile come la pompa acqua meccanica e miscelatore;

-non esiste un modo per fare una sistema autoretraente tramite pressione della leva come nei motori tm? o quantomeno alleggerire gli ingranaggi?

-con la scusa che smonto voglio togliere l'ingranaggio contagiri sul blocco (che non uso perchè ho un contagiri alimentato da un modulo, che prende il segnale dalla bobina e lo corregge per segnare i giri in una maniera precisa al mio contagiri dsp system), ma non ho capito se per fare ciò va abolito anche il miscelatore

#10 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 27 January 2020 - 19:29

Il sistema contagiri e miscelatore sono indipendenti

La corona del sistema d'avviamento la puoi tirar via senza dover modificare nient'altro.

Il kickstarter ha quelle 2 ruote che girano sempre e non creano alcun problema d'attrito tale da doversi fare paranoie,poi c'è un ingranaggio retrattile vincolato alla pedivella, questo è il sistema di tutte le moto, Cagiva e TM compresi.
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#11 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 27 January 2020 - 23:59

Grazie a7n8x, ho fatto un ottimo acquisto allora :smiling: non vedo l'ora di smontare la corona d'avviamento, spero mi dia un piccolo incremento in accelerazione e il motore riesca ad allungare nelle marce alte più facilmente, forse per via dello scarico o rapporti troppo lunghi in 5a non riesco a tirare il motore oltre un certo regime, più avanti mi dedicherò all'espansione fatta da me e poi all'accensione usando una curva d'anticipo decente, aspetto il motore acquistato per prendere le quote della boccola e farne una per il 66650E studiata

piccola curiosità: ho notato che la "ducati energia sp" a rotore interno sembra proprio identica al cagiva elefant 350 di mio padre anche come misure (che ha portato a 650cc se non sbaglio modificando il motore ducati con cilindri e bielle nuove del modello 650, sinceramente non ricorda se chi gli ha fatto il lavoro ha adattato gli alberi originali del 350 e sia diventata 530cc), mentre invece la "kokusan sp" a rotore piccolo sembra identica a quella suzuki rm 125, ho visto che l'alternatore è identico come ordine disposizione degli avvolgimenti, ho notato questa cosa grazie a una persona che ha preparato la sua mito con componenti sp mostrando delle foto su un altro forum, facendo vedere la kokusan sp smontata quando l'ha acquistata, mi sorge questo dubbio: non è che cagiva abbia riciclato alcuni componenti elettronici usandoli su altre moto? se la kokusan standard era studiata da motori bicilindrici e adattata per la mito non vedo perché non sia possibile questa cosa

#12 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 31 January 2020 - 10:15

Motore cagiva w8 arrivato ieri, monta questi componenti: cilindro 66650E, testata 200c, kickstarter, cambio 6 marce, pvl mappa 13 gradi (centralina pvl codice 105 458), e tante altre cose, dato che ho avuto in omaggio un volano kokusan extra e la pvl la rivenderò ho avuto questa idea: perché non creare una bobina d'accensione sostitutiva alla kokusan originale? in questo modo si installa sull' accensione originale kokusan ed è possibile usare la centralina pvl senza comprare il rotore e si perde meno tempo a mappare, specialmente per chi non è pratico e non vuole perderci tempo potrebbe essere più semplice ed economico avere una centralina già mappata e giocare di posizionamento statore per regolarla, la centralina pvl sopracitata ha una buona curva d'anticipo variabile simile a quelle consigliate sul forum, unica rottura non funziona la cts ovviamente, non avendo l'ingresso per la valvola, ma per chi usa il mio stesso sistema nessun problema, altrimenti con un attuatore a depressione si converte in pneumatica, basta collegare un attuatore pneumatico nel cilindro o nel carburatore che attiva il filo della cts e la fa smuovere, o si crea un comando on/off sul manubrio e si gestisce manualmente
p.s. meglio testata 200c o 200a? preferisco una testata bombata per il mio motore, portandola a squish 0,9 o 1mm

#13 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 01 February 2020 - 12:35

Non è Cagiva che ricicla, ma semplicemente la kokusan e tutti gli altri marchi non fanno un prodotto per ogni moto.

Non ho capito vuoi usare la centralina pvl con l'alternatore kokusan? Rischi di bruciare la pvl se le bobine di alimentazione sono differenti per caratteristiche elettriche.

Per far funzionare la cts elettronica, basta sdoppiare il cavo di scarica della cdi, ovviamente non è questo il caso dato che cdi è bobina d'accensione sono un unico corpo.

Con la 200a hai maggiori margini di lavorazione, la 200c è di serie più compressa, volendo la puoi rivendere (è più compressa rispetto alle ultime 200c usate per i modelli ev depotenziati).
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#14 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 03 February 2020 - 13:14

Avevo questa idea: studiare i valori della bobina d’accensione pvl e creare una bobina specifica sostitutiva a quella kokusan, tale che si potesse montare direttamente la cdi pvl sull’accensione kokusan originale, mantenendo le luci senza dover perdere tempo a mappare tutto, non brucia nulla se faccio la bobina specifica e si anticipa nel modo giusto

#15 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 03 February 2020 - 20:24

non è solo una questione di bobina, ma anche di magnete, cambiando le specifiche del magnete cambiano anche tensioni e amperaggi.
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#16 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 03 February 2020 - 21:55

Si certo è logico, infatti bisogna fare in modo che con l’alternatore e il volano originale produca la stessa tensione di corrente in modo da poter funzionare con la centralina pvl, non di certo facile, per adesso sto lavorando ad altre cose perché grazie all’acquisto del motore w8 adesso ho un sacco di ricambi extra, ho lavorato la boccola di scarico a 36,5/37mm lucidandola a specchio, eliminando la convergenza 35-33mm di serie, grazie a questa boccola maggiorata posso usare un diametro pancia più grosso, la monterò con lo scarico artigianale fatto da me, sul mio blocco lascio l’ altra ”strozzata“ con lo scarico del cr, tra qualche giorno aprirò i carter di questo blocco w8, purtroppo non avendo la pistola pneumatica ho dimenticato di farmi smontare il dado controalbero, manca solo quello e posso aprire i carter, voglio sperimentare qualcosa su questo contralbero per fare in modo che giri a secco totalmente, e non limitandomi a farlo cilindrico scatolandolo, voglio vedere se è possibile poter chiudere le sedi anziché scatolare il contralbero, per non fargli finire olio, ovviamente prima smonto e osservo bene prima di commettere stupidaggini
Monterò questi componenti: testa 200c con Squish 0,9 o 1mm per andare sul sicuro, cilindro lascio 66650E, scarico artigianale con silenziatore arrow titanio, kickstarter (tolgo 400 gr di massa volano eliminando motorino e corona dentata) e infine creo un collettore e guidaflussi con pacco 6 petali husqvarna per il vhsh30, faccio una basetta inclinata di 30 gradi come collettore, dove il carburatore entra nella cuspide e può lavorare nella corretta posizione grazie all’inclinazione (presa con goniometro e spago dal collettore mikuni 35 che monto sul mio motore che è 30 gradi), questa idea l’ho presa da una persona che ha modificato il collettore per kart Modena kz125, in pratica il carburatore entra dentro il collettore, che ha un pezzo rotondo in gomma vicino al guidaflussi e si stringe con una fascetta, e il condotto si raccorda perfettamente con il guidaflussi del pacco lamellare, più ravvicinato di così non si può, e facendo in questo modo forse riuscirei a montare anche una scatola filtro, perché ho poco spazio e non posso montare nemmeno un filtro classico malossi
Adesso ho tutto in garage smontato, partirò i lavori installando il kickstarter, a questo punto a che apro frizione tolgo l’ingranaggio contagiri che tanto non mi serve, il resto dei componenti poco per volta altrimenti non finisco più, con l’università ho poco tempo da dedicare alla moto ma poco per volta farò piccoli progressi

#17 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 08 February 2020 - 11:38

Corona avviamento rimossa e montato il kickstarter, ho dovuto modificare la leva per non farla strisciare con il fianchetti che copre la batteria, la moto adesso prende i giri più velocemente e va meglio, ma adesso ho troppe vibrazioni nel blocco, come mai? È possibile smorzarle usando un silent block nella sede del motorino avviamento?

#18 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6672 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-October 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 10 February 2020 - 14:08

assicurati che siano serrate le viti di fissaggio del blocco e di aver allineato correttamente il contralbero.
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#19 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 10 February 2020 - 15:33

I supporti non li ho toccati, il contralbero non so se sia in fase, controllerò meglio allora, non pensavo andasse fuori fase smontato il cestello frizione

#20 alessandroclassicmito

    Mitomane

  • Membri Effettivi
  • StellettaStelletta
  • 143 Messaggi:
  • Iscritto il: 12-December 18
  • Gender:Male
  • Moto: Altro
  • Provincia: Palermo (PA)
  • Regione: Sicilia

Inviato 11 February 2020 - 19:17

Rieccomi
Problema risolto
Non si trattava della messa in fase contralbero, il volano andava ribilanciato, avevo sopra un volano kokusan con codice FP 5220, ho fatto fare 5 fori, ora non vibra più, va molto meglio! ora avendo due volani kokusan mi chiedevo quale fosse la differenza tra questo che monto attualmente e quello codice FP 5231, così per curiosità personale volevo capire cosa stanno ad indicare questi codici, mi sono imbattuto in vari volani dove trovavo codici differenti
Adesso che ho montato il kickstarter e risolto questo problema mi dedicherò alla marmitta o all’accensione





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi