Vai al contenuto


Adattare Pinza A 4 Pistoncini Su Mito I

freni mito I adattare elaborare pinza freno freno anteriore

29 risposte a questa discussione

#1 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 18 dicembre 2020 - 21:42

Salve a tutti, scrivo qui ( e perdonatemi se sbaglio qualcosa ma è la prima volta ) perchè volevo chiedere se qualcuno è riuscito ad adattare una pinza a 4 pompanti che generalmente monta su mito con forcelle a steli rovesciati, su una con forcelle a steli dritti.
Ho questa curiosità perchè, possiedo una Mito racing e la utilizzo solamente in pista e non mi piace la frenata che ha con la sua pinza a due pompanti. Dato il budget limitato che ho non volevo cambiare le forcelle per riuscire a montare la pinza nuova, quindi volevo sapere se qualcuno era riuscito a creare una staffa per adattare la pinza e poteva darmi qualche indicazione ( spessore, materiale ecc..).


Grazie.

Messaggio modificato da nicola_bartoletti il 26 dicembre 2020 - 00:43


#2 Cristina

    Mitomane

  • Gold Members
  • 56 Messaggi:
  • Iscritto il: 22-settembre 20
  • Gender:Female
  • Interests:Camminare per boschi prati colli monti, andare in moto, andare a far legna nel bosco con la Lada Niva, leggere, guardare vecchi film e tanto altro ancora.
  • Moto: Raptor 125
  • Provincia: Arezzo (AR)
  • Regione: Toscana

Inviato 19 dicembre 2020 - 22:21

Benvenuto Nicola, faccio io gli onori di casa in attesa che (forse) qualcuno ti risponda.
Non credo che nessuno ti sgridi per non essere prima passato dalla sezione presentazioni, però senti, cosa vuol dire pinza a 4 pompanti? Immagino volessi dire pinza a 4 pistoncini, i pompanti sono un'altra cosa. Comunque sono pinze molto diverse tra loro, stessa cosa vale per la forcella (non forcelle, già non hai i soldi per comprarne una...) a steli dritti o rovesciati. Scusa se faccio la pignola ma se corri in pista un po' di precisione ci vorrebbe e, soprattutto, di prudenza. L'impianto frenante è molto importante, sei sicuro di non poterti arrangiare con quello che hai? dopotutto proprio l'adattabilita' è una caratteristica dei migliori piloti. Mi fai venire in mente un moderatore di un forum di auto che, dopo un messaggio lunghissimo di uno che voleva stravolgere l'impianto frenante, ha commentato: "Non ho capito nulla, comunque troppe modifiche e posticce, allora meglio senza freni almeno già si sa che non si hanno"...!!!!
Ciò detto, cedo la parola ai più esperti.
Piccola o grande che sia, ogni moto è una magia.

#3 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6.533 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-ottobre 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 20 dicembre 2020 - 14:48

Per quale motivo non ti piace?
La maggior parte dei problemi sono derivati dalla manutenzione e dalle pastiglie freno.
La pinza freno è mai stata smontata e pulita, le guarnizioni sono apposto?
Quando avevo le pastiglie freno sinterizzate avevo una frenata ottima, passando alle carbon ceramiche per uso stradale, la frenata è rimasta buona fino a quando si frena poco o in modo moderato, mentre se si frena energicamente si ha solo un aumento dei consumi della pastiglia freno, ma in compenso non si consuma il disco freno.

Se passi alle pinze a 4 pistoncini avrai lo stesso problema se rimani alle pastiglie freno carbon ceramiche per uso stradale.
Inoltre devi revisionare la pinza freno e forse cambiare la pompa freno, in quanto i pistoncini sono più grandi e richiedono più liquido freno e quindi rischi che non si più sufficiente il liquido spostato dalla pinza (se è sufficiente guadagni in pressione e freni di più).

Se proprio devi cambiare pinza passa ad un sistema diverso, magari ad un produttore che continua a vendere i kit di revisione ai privati e puntare a pinze freno ad attacco radiale (che poi rivendi anche più facilmente) e farti un supporto/staffa per pinza radiale.

Prima di cambiare pinza e imbarcarti in soluzioni di accrocchi vari, cambia le pastiglie freno con delle TRW MCB579SI sinterizzate

Messaggio modificato da a7n8x il 20 dicembre 2020 - 14:59

Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#4 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 20 dicembre 2020 - 16:30

Visualizza MessaggioCristina, il 19 dicembre 2020 - 22:21, ha scritto:

Benvenuto Nicola, faccio io gli onori di casa in attesa che (forse) qualcuno ti risponda.
Non credo che nessuno ti sgridi per non essere prima passato dalla sezione presentazioni, però senti, cosa vuol dire pinza a 4 pompanti? Immagino volessi dire pinza a 4 pistoncini, i pompanti sono un'altra cosa. Comunque sono pinze molto diverse tra loro, stessa cosa vale per la forcella (non forcelle, già non hai i soldi per comprarne una...) a steli dritti o rovesciati. Scusa se faccio la pignola ma se corri in pista un po' di precisione ci vorrebbe e, soprattutto, di prudenza. L'impianto frenante è molto importante, sei sicuro di non poterti arrangiare con quello che hai? dopotutto proprio l'adattabilita' è una caratteristica dei migliori piloti. Mi fai venire in mente un moderatore di un forum di auto che, dopo un messaggio lunghissimo di uno che voleva stravolgere l'impianto frenante, ha commentato: "Non ho capito nulla, comunque troppe modifiche e posticce, allora meglio senza freni almeno già si sa che non si hanno"...!!!!
Ciò detto, cedo la parola ai più esperti.

Ciao Cristina, scusami per i termini utilizzati ma ho fatto un po' di confusione, sono consapevole dell' importanza dell'impianto frenante per questo prima di lanciarmi in questo cambiamento chiedevo sul forum se qualcuno si era già cimentato in questa cosa, dato che su internet per altre moto si trovano già staffe per adattare pinze diverse da quelle di serie.
Comunque cercherò di tenere tutti i margini di sicurezza del caso.

#5 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 20 dicembre 2020 - 16:52

Visualizza Messaggioa7n8x, il 20 dicembre 2020 - 14:48, ha scritto:

Per quale motivo non ti piace?
La maggior parte dei problemi sono derivati dalla manutenzione e dalle pastiglie freno.
La pinza freno è mai stata smontata e pulita, le guarnizioni sono apposto?
Quando avevo le pastiglie freno sinterizzate avevo una frenata ottima, passando alle carbon ceramiche per uso stradale, la frenata è rimasta buona fino a quando si frena poco o in modo moderato, mentre se si frena energicamente si ha solo un aumento dei consumi della pastiglia freno, ma in compenso non si consuma il disco freno.

Se passi alle pinze a 4 pistoncini avrai lo stesso problema se rimani alle pastiglie freno carbon ceramiche per uso stradale.
Inoltre devi revisionare la pinza freno e forse cambiare la pompa freno, in quanto i pistoncini sono più grandi e richiedono più liquido freno e quindi rischi che non si più sufficiente il liquido spostato dalla pinza (se è sufficiente guadagni in pressione e freni di più).

Se proprio devi cambiare pinza passa ad un sistema diverso, magari ad un produttore che continua a vendere i kit di revisione ai privati e puntare a pinze freno ad attacco radiale (che poi rivendi anche più facilmente) e farti un supporto/staffa per pinza radiale.

Prima di cambiare pinza e imbarcarti in soluzioni di accrocchi vari, cambia le pastiglie freno con delle TRW MCB579SI sinterizzate

La pinza è stata pulita e revisionata prima di essere montata, stessa cosa per la pompa del freno, i tubi sono stati sostituiti con quelli in treccia
Non fraintendermi la moto frena, non mi piace il mordente che ha. Sicuramente la causa saranno le pastiglie che ho su ora (brembo blu) ma cercando su internet non ho trovato altre alternative. Per la pinza a 4 pistoncini invece la scelta delle pastiglie è molto più ampia.
Inoltre ho provato la pinza a 4 pistoncini sulla moto di un amico ( stessa pompa freno e anche qui tubi in treccia) ed effettivamente frena molto di più della mia.

Quindi in sostanza farei questo cambio per una scelta maggiore di tipi di pastiglie e per una "potenza" frenante maggiore.

#6 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6.533 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-ottobre 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 20 dicembre 2020 - 18:20

Visualizza Messaggionicola_bartoletti, il 20 dicembre 2020 - 16:52, ha scritto:

La pinza è stata pulita e revisionata prima di essere montata, stessa cosa per la pompa del freno, i tubi sono stati sostituiti con quelli in treccia
Non fraintendermi la moto frena, non mi piace il mordente che ha. Sicuramente la causa saranno le pastiglie che ho su ora (brembo blu) ma cercando su internet non ho trovato altre alternative. Per la pinza a 4 pistoncini invece la scelta delle pastiglie è molto più ampia.
Inoltre ho provato la pinza a 4 pistoncini sulla moto di un amico ( stessa pompa freno e anche qui tubi in treccia) ed effettivamente frena molto di più della mia.
Non hai specificato se ha la tua stessa moto, la Mito prima seria ha un pompante più piccolo rispetto alla Mito II e successive
I tubi in treccia non danno nulla in più e non è la treccia metallica a dare qualcosa in più.
Nelle auto dove le pressioni sono decisamente maggiori si usano tubi metallici e tubi flessibili in gomma rinforzata con maglia in fibra, e se questi ultimi vengono usati senza problemi non vedo come possa essere un problema su una moto, chi ha problemi è perché ha i tubi danneggiati, non perché i tubi non vanno bene.
È ora di finirla con l'ascoltare le azioni pubblicitarie senza capire effettivamente come stanno cose.

Visualizza Messaggionicola_bartoletti, il 20 dicembre 2020 - 16:52, ha scritto:

Quindi in sostanza farei questo cambio per una scelta maggiore di tipi di pastiglie e per una "potenza" frenante maggiore.

Visualizza Messaggioa7n8x, il 20 dicembre 2020 - 14:48, ha scritto:

...
Prima di cambiare pinza e imbarcarti in soluzioni di accrocchi vari, cambia le pastiglie freno con delle TRW MCB579SI sinterizzate

Come puoi vedere non hai bisogno di cambiare pinza per avere una scelta maggiore (che tra altro le trovi dai 15 ai 40€).
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#7 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 20 dicembre 2020 - 20:57

Visualizza Messaggioa7n8x, il 20 dicembre 2020 - 18:20, ha scritto:


Non hai specificato se ha la tua stessa moto, la Mito prima seria ha un pompante più piccolo rispetto alla Mito II e successive
I tubi in treccia non danno nulla in più e non è la treccia metallica a dare qualcosa in più.
Nelle auto dove le pressioni sono decisamente maggiori si usano tubi metallici e tubi flessibili in gomma rinforzata con maglia in fibra, e se questi ultimi vengono usati senza problemi non vedo come possa essere un problema su una moto, chi ha problemi è perché ha i tubi danneggiati, non perché i tubi non vanno bene.
È ora di finirla con l'ascoltare le azioni pubblicitarie senza capire effettivamente come stanno cose.




Come puoi vedere non hai bisogno di cambiare pinza per avere una scelta maggiore (che tra altro le trovi dai 15 ai 40€).

Il tubo in treccia metallica serve in pista dove le temperature del liquido frenante sono più alte rispetto alla strada e quindi la gomma tenderebbe a gonfiarsi rendendo spugnosa la leva e allungando la frenata.

Il mio amico, ed io montiamo la pompa freno di un Yamaha tz ( non ho quella della moto perché nella moto che ho preso mancava e il venditore da cui ho acquistato altri pezzi aveva disponibile solo quella di un tz)

Comunque ti ringrazio per avermi fatto scoprire quelle pastiglie.

Attendo per sapere se qualcuno lo ha fatto e
se ha avuto dei benefici.

#8 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6.533 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-ottobre 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 21 dicembre 2020 - 18:25

Visualizza Messaggionicola_bartoletti, il 20 dicembre 2020 - 20:57, ha scritto:

Il tubo in treccia metallica serve in pista dove le temperature del liquido frenante sono più alte rispetto alla strada e quindi la gomma tenderebbe a gonfiarsi rendendo spugnosa la leva e allungando la frenata.

Il mio amico, ed io montiamo la pompa freno di un Yamaha tz ( non ho quella della moto perché nella moto che ho preso mancava e il venditore da cui ho acquistato altri pezzi aveva disponibile solo quella di un tz)

Comunque ti ringrazio per avermi fatto scoprire quelle pastiglie.

L'unico modo per avere alte temperature del liquido freno nel caso della Mito è quello di correre con il freno sempre azionato
Inoltre i tubi si saranno composti da gomma, ma hanno la telatura che evita questo problema di dilatazione elastica.

Visualizza Messaggionicola_bartoletti, il 20 dicembre 2020 - 20:57, ha scritto:

Attendo per sapere se qualcuno lo ha fatto e
se ha avuto dei benefici.

Se per decidere come procedere vuoi aspettare qualcuno che ti possa garantire di aver utilizzato quello specifico tipo di pastiglie puoi aspettare fino al 2000mai.

Messaggio modificato da a7n8x il 21 dicembre 2020 - 18:27

Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#9 a7n8x

    Master of Mitos

  • Aiuto allo Staff
  • 6.533 Messaggi:
  • Iscritto il: 29-ottobre 07
  • Gender:Male
  • Location:Italia
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Seleziona Provincia
  • Regione: Seleziona Regione

Inviato 22 dicembre 2020 - 10:17

Giusto per ribadire il concetto

https://www.motocicl...sicurezza-67790
Non si effettuano consulenze private.
Questa CITAZIONE ispira sia la politica che il commercio (Joseph Goebbels ministro della propaganda di Adolf Hitler):
"Con sufficiente ripetitività e conoscenza psicologica delle persone coinvolte, non sarebbe difficile dimostrare loro che un quadrato in realtà è un cerchio".

#10 Cristina

    Mitomane

  • Gold Members
  • 56 Messaggi:
  • Iscritto il: 22-settembre 20
  • Gender:Female
  • Interests:Camminare per boschi prati colli monti, andare in moto, andare a far legna nel bosco con la Lada Niva, leggere, guardare vecchi film e tanto altro ancora.
  • Moto: Raptor 125
  • Provincia: Arezzo (AR)
  • Regione: Toscana

Inviato 22 dicembre 2020 - 14:01

Visualizza Messaggioa7n8x, il 21 dicembre 2020 - 18:25, ha scritto:


L'unico modo per avere alte temperature del liquido freno nel caso della Mito è quello di correre con il freno sempre azionato


Vale anche in strada e pure per le auto giusto? Insomma chi guida frenando di continuo perché ha paura delle curve (il 90 per cento degli automobilisti, uffa) scalda il liquido freni più di chi frena energicamente al punto giusto...giusto? O sbagliato?
Mi hai fatto venire in mente una discussione via mail che ho avuto anni fa con un conoscente ex collaudatore di sistemi elettronici di aiuto alla frenata progettati per le 4 ruote. Personalmente detesto questi sistemi, non parlo solo dell'ABS, ma anche e soprattutto del BAS che moltissimi manco si accorgono di avere perché stanno sempre lì per centinaia di metri a frenare lentamente come se avessero paura del pedale del freno. Questo stramaledetto BAS obbligatorio mi pare dal 2009 o 2010 scambia ogni frenata energica per una frenata d'emergenza e inchioda l'auto agendo di testa propria. Me ne accorsi guidando un'auto Fiat Tipo non mia. Ne parlai con questo ex collaudatore di BAS e mi rispose che il mio modo di guidare va bene solo in pista. Cioè io che non ho mai guidato in pista neanche quando avevo una Subaru Impreza WRX, dovrei adattarmi a frenare in un modo che mi hanno sempre insegnato essere sbagliato? Preferisco stare alla larga dal BAS e, almeno per le moto, pure dall'ABS.
Piccola o grande che sia, ogni moto è una magia.

#11 Fly44

    Mitomane Tosto

  • Membri Effettivi
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • Iscritto il: 14-febbraio 12
  • Gender:Male
  • Moto: Mito II
  • Provincia: Other Country
  • Regione: Other Country

Inviato 24 dicembre 2020 - 15:02

Beh effettivamente l uso dei tubi freno normale, devi già essere un cane per avere problemi, certo ho avuto condizioni in cui la spugnositá l ho sentita aumentare eccome, ma ti dico che venivo giù da una montagna piena di gomiti e staccate a ripetizione.
Il vero problema l ho avuto una sola volta, stessa strada, quando non ho cambiato il liquido freni per un unico anno ( lo cambio dopo ogni inverno ).
Staccata veramente forte in discesa, liquido bollito leva a fondo. Fortuna ha mollato in progressione anche se brevissima e ho potuto controllare tutto con il posteriore ma c é mancato proprio poco al dritto.
L anno scorso ho montato una pompa freno nuova, il disco flottante maggiorato da 5mm ( l originale l ho tirato blu ) e le brembo rosse ( mi sono trovato male con le blu. )
Quindi come ti hanno consigliato altri, prima cambia pastiglie, se vuoi metti anche te il disco brembo da 5mm( aumenti le masse non sospese e magari la sentirai più rigida in piega ma a parer mio é veramente misera la differenza ) e già ti cambia il mondo.
Liquido freni sempre mi raccomando.

Messaggio modificato da Fly44 il 24 dicembre 2020 - 15:07


#12 Cristina

    Mitomane

  • Gold Members
  • 56 Messaggi:
  • Iscritto il: 22-settembre 20
  • Gender:Female
  • Interests:Camminare per boschi prati colli monti, andare in moto, andare a far legna nel bosco con la Lada Niva, leggere, guardare vecchi film e tanto altro ancora.
  • Moto: Raptor 125
  • Provincia: Arezzo (AR)
  • Regione: Toscana

Inviato 25 dicembre 2020 - 08:48

Ecco cosa succede a non passare per il via (sezione presentazioni), c'è qualcuno che lo fa per te, casi di omonimia a parte:

https://m.youtube.co...h?v=yEaaX9LrC2I

Sei tu Nicola, sei tu che hai messo il pollice in su? Ragazzi apriamo le scommesse, io punto tutto su Fly44, metto in palio il sottocasco invernale che ho acquistato ieri...taglia M dovrebbe andar bene a tutti. Fly in cronodiscesa batte Nicola con cinque tornanti di lunghezza!!!
Scherzi a parte, la strada a volte è più dura della pista, mette a dura prova sia l'esperienza del pilota, sia la meccanica del mezzo.
Piccola o grande che sia, ogni moto è una magia.

#13 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 25 dicembre 2020 - 23:52

Visualizza MessaggioFly44, il 24 dicembre 2020 - 15:02, ha scritto:

Beh effettivamente l uso dei tubi freno normale, devi già essere un cane per avere problemi, certo ho avuto condizioni in cui la spugnositá l ho sentita aumentare eccome, ma ti dico che venivo giù da una montagna piena di gomiti e staccate a ripetizione.
Il vero problema l ho avuto una sola volta, stessa strada, quando non ho cambiato il liquido freni per un unico anno ( lo cambio dopo ogni inverno ).
Staccata veramente forte in discesa, liquido bollito leva a fondo. Fortuna ha mollato in progressione anche se brevissima e ho potuto controllare tutto con il posteriore ma c é mancato proprio poco al dritto.
L anno scorso ho montato una pompa freno nuova, il disco flottante maggiorato da 5mm ( l originale l ho tirato blu ) e le brembo rosse ( mi sono trovato male con le blu. )
Quindi come ti hanno consigliato altri, prima cambia pastiglie, se vuoi metti anche te il disco brembo da 5mm( aumenti le masse non sospese e magari la sentirai più rigida in piega ma a parer mio é veramente misera la differenza ) e già ti cambia il mondo.
Liquido freni sempre mi raccomando.

Allora ci stiamo focalizzando su una cosa che non c'entra direttamente con quello che ho chiesto.
Partiamo dal presupposto che questa moto che ho adesso mi è stata regalata da un amico, completamente smontata ( era in uno scaffale) con molti pezzi mancanti tra questi proprio il tubo dei freni. Dato che mi mancava e sapendo dell'utilizzo che ne facevo mi sono orientato su quelli in treccia.
Terrò in considerazione i dischi maggiorati e delle pastiglie sinterizzate.

Messaggio modificato da nicola_bartoletti il 26 dicembre 2020 - 01:13


#14 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 26 dicembre 2020 - 00:06

Visualizza MessaggioCristina, il 25 dicembre 2020 - 08:48, ha scritto:

Ecco cosa succede a non passare per il via (sezione presentazioni), c'è qualcuno che lo fa per te, casi di omonimia a parte:

https://m.youtube.co...h?v=yEaaX9LrC2I

Sei tu Nicola, sei tu che hai messo il pollice in su? Ragazzi apriamo le scommesse, io punto tutto su Fly44, metto in palio il sottocasco invernale che ho acquistato ieri...taglia M dovrebbe andar bene a tutti. Fly in cronodiscesa batte Nicola con cinque tornanti di lunghezza!!!
Scherzi a parte, la strada a volte è più dura della pista, mette a dura prova sia l'esperienza del pilota, sia la meccanica del mezzo.

Si sono io (no non mi sono messo mi piace da solo), mi batte a mani basse, quello è un video della mia seconda pista (seconda volta su quella moto e seconda volta proprio su una moto "grande", fino ad ora mi ero limitato a girare sui minimotard) ora non sono Valentino Rossi ma diciamo che mi sono sciolto abbastanza.

Non ho moltissima esperienza per la strada, ma a logica dovrebbe essere più stressante la pista rispetto alla strada (?).


Messaggio modificato da nicola_bartoletti il 26 dicembre 2020 - 01:12


#15 Cristina

    Mitomane

  • Gold Members
  • 56 Messaggi:
  • Iscritto il: 22-settembre 20
  • Gender:Female
  • Interests:Camminare per boschi prati colli monti, andare in moto, andare a far legna nel bosco con la Lada Niva, leggere, guardare vecchi film e tanto altro ancora.
  • Moto: Raptor 125
  • Provincia: Arezzo (AR)
  • Regione: Toscana

Inviato 26 dicembre 2020 - 08:43

Ciao Nicola, volevo solo stimolarti a partecipare al forum, del resto avevi messo nome e cognome, ho fatto una ricerca su YouTube "Nicola Bartoletti Cagiva Mito", scusa se sono stata fin troppo goliardica (non conosco Fly44 non ho la minima idea di come guidi...), ma dai se fossi stata stronza ti avrei messo il pollice in giù, ma ora che hai risposto ti darò il "mi piace" per simpatia per la tua moto e la spiegazioni che ci hai fornito. Sicuramente mi piaci più tu di Valentino Rossi che mai ha conosciuto anche solo il significato del termine "modestia".
Ho quasi 50 anni e mi è sempre piaciuto moltissimo guidare anche se con le moto ho iniziato solo due anni e mezzo fa, meglio tardi che mai non c'è paragone con le 4 ruote. Non ho nessuna esperienza di guida in pista, tuttavia confesso di avere spesso guidato in strada come se fosse una pista, non c'è niente di male se si è su strade poco frequentate e non si tagliano le curve cieche e altre accortezze del genere. La strada tuttavia per l'appunto non è a senso unico, non ci sono vie di fuga, ti può sbucare un cervo all'improvviso e pesano anche 250 chili i cervi..., può mettersi a grandinare mentre un'ora prima c'era il sole e devi fare chilometri di discesa "in mezzo al nulla" senza poter cambiare gomme, eccetera eccetera. Chi guida in città o in autostrada (odio entrambe ma c'è chi per necessità o altro ci va, vabbe' in Italia chissà perché i 125 non possono fare neanche 5 km di superstrada un'ingiustizia per chi deve fare anche solo un pezzetto per recarsi al lavoro) può incappare in code per incidenti, per lavori eccetera e allora la temperatura del liquido refrigerante schizza alle stelle cosa che certo non succede in pista. Sono solo esempi, tu certo sei molto più giovane di me e col tempo capirai. Quando avevo 30 anni e guidavo una MG TF 160 (che poi guarda caso mi comprò un motociclista), spider inglese a trazione posteriore con motore centrale trasversale, fui invitata ad andare a Magione ma non ci andai, il mio ambiente naturale sono le strade di collina e di montagna, ho imparato a guidare tra le curve e, confesso, a cronometrarmi sui tratti che frequento di più, ognuno ha i suoi gusti..
Buon proseguimento con la tua Mito Nicola, l'importante, dopotutto, è prima di tutto divertirsi, qualsiasi mezzo si guidi e in qualsiasi posto sia gradito al pilota.
Piccola o grande che sia, ogni moto è una magia.

#16 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 26 dicembre 2020 - 10:15

Visualizza MessaggioCristina, il 26 dicembre 2020 - 08:43, ha scritto:

Ciao Nicola, volevo solo stimolarti a partecipare al forum, del resto avevi messo nome e cognome, ho fatto una ricerca su YouTube "Nicola Bartoletti Cagiva Mito", scusa se sono stata fin troppo goliardica (non conosco Fly44 non ho la minima idea di come guidi...), ma dai se fossi stata stronza ti avrei messo il pollice in giù, ma ora che hai risposto ti darò il "mi piace" per simpatia per la tua moto e la spiegazioni che ci hai fornito. Sicuramente mi piaci più tu di Valentino Rossi che mai ha conosciuto anche solo il significato del termine "modestia".
Ho quasi 50 anni e mi è sempre piaciuto moltissimo guidare anche se con le moto ho iniziato solo due anni e mezzo fa, meglio tardi che mai non c'è paragone con le 4 ruote. Non ho nessuna esperienza di guida in pista, tuttavia confesso di avere spesso guidato in strada come se fosse una pista, non c'è niente di male se si è su strade poco frequentate e non si tagliano le curve cieche e altre accortezze del genere. La strada tuttavia per l'appunto non è a senso unico, non ci sono vie di fuga, ti può sbucare un cervo all'improvviso e pesano anche 250 chili i cervi..., può mettersi a grandinare mentre un'ora prima c'era il sole e devi fare chilometri di discesa "in mezzo al nulla" senza poter cambiare gomme, eccetera eccetera. Chi guida in città o in autostrada (odio entrambe ma c'è chi per necessità o altro ci va, vabbe' in Italia chissà perché i 125 non possono fare neanche 5 km di superstrada un'ingiustizia per chi deve fare anche solo un pezzetto per recarsi al lavoro) può incappare in code per incidenti, per lavori eccetera e allora la temperatura del liquido refrigerante schizza alle stelle cosa che certo non succede in pista. Sono solo esempi, tu certo sei molto più giovane di me e col tempo capirai. Quando avevo 30 anni e guidavo una MG TF 160 (che poi guarda caso mi comprò un motociclista), spider inglese a trazione posteriore con motore centrale trasversale, fui invitata ad andare a Magione ma non ci andai, il mio ambiente naturale sono le strade di collina e di montagna, ho imparato a guidare tra le curve e, confesso, a cronometrarmi sui tratti che frequento di più, ognuno ha i suoi gusti..
Buon proseguimento con la tua Mito Nicola, l'importante, dopotutto, è prima di tutto divertirsi, qualsiasi mezzo si guidi e in qualsiasi posto sia gradito al pilota.

Buongiorno, grazie del mi piace hahahah
Purtroppo il brutto di scriversi con persone attraverso uno schermo è che rende difficile cogliere l'umorismo, e ammetto di non essere un fenomeno perquesto ho cercato di tenere un linguaggio neutro.
Si può dire che con le moto abbiamo iniziato praticamente nello stesso periodo ( 1 anno e mezzo io l'ho perso a montarla e renderla funzionate, ora manca la parte estetica)

Ammiro il tuo coraggio, non sarei in grado di fare le stesse cose che faccio in pista su strada ne con due ne con 4 ruote.

Comunque ti ringrazio ed hai perfettamente ragione. l'importante è divertirsi sempre !

Messaggio modificato da nicola_bartoletti il 26 dicembre 2020 - 10:19


#17 Fly44

    Mitomane Tosto

  • Membri Effettivi
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • Iscritto il: 14-febbraio 12
  • Gender:Male
  • Moto: Mito II
  • Provincia: Other Country
  • Regione: Other Country

Inviato 26 dicembre 2020 - 10:25

Visualizza Messaggionicola_bartoletti, il 25 dicembre 2020 - 23:52, ha scritto:

Allora ci stiamo focalizzando su una cosa che non c'entra direttamente con quello che ho chiesto.
Partiamo dal presupposto che questa moto che ho adesso mi è stata regalata da un amico, completamente smontata ( era in uno scaffale) con molti pezzi mancanti tra questi proprio il tubo dei freni. Dato che mi mancava e sapendo dell'utilizzo che ne facevo mi sono orientato su quelli in treccia.
Terrò in considerazione i dischi maggiorati e delle pastiglie sinterizzate.

Hai ragione, erano piu che altro considerazioni antecedenti al fatto di cimentarti in un impresa simile, anche l impianto della Mito 1 non è cosi scarso, i tuoi problemi di mordente come dici, potevano derivare da altro.
I treccia li ho montati anche io ai tempi, ma in pista non giravo, poi a causa del collaudo sono tornato agli originali, che tra l altro non sono ho dovuto farmeli fare identici da una ditta.
Le pastiglie sicuramente fanno molto, e quando ho letto brembo blu, mi sono subito venuti in mente i tempi di quando le montavo e, boh per me nisba, non mi piacciono.
Le rosse per me sono gran belle pastiglie, grattano molto quello te lo dico, difatti il mio disco originale non ha terminato la vita con un bell'aspetto.
Il disco maggiorato flottante piu che altro è quello che forniscono ora, e secondo me 5mm al posto di 4mm, comportano un riscaldamento minore del disco che non essendo un carboceramica, non lavora a temperature da sballo.

Nel tuo caso, essendo già la pinza flottante, in teoria non è essenziale ma leggevo di altra gente che lo monta lo stesso e flottante con flottante male non gli ha fatto. riesce a correggerti molte cose in fatto di appoggio sulla superficie.
il liquido freno beh quella è stata una parentesi ma cmq essenziale, mai dimenticarlo.

Leggevo della pompa, sei sicuro che i diametri del pompante sono gli stessi?
se leggi nelle guide tecniche trovi tutte le specifiche delle pompe dei pompanti e maggiorazioni.
Ovviamente avrai un comportamento diverso, modulabilità o potenza, fatti un giro potresti trovare cose utili.

l adattamento della pinza alle non rovesciate, personalmente a me gli adattatori sulla pinza del freno non piacciono e mai li farò, molti li fanno funzionano ma fidarsi è bene non fidarsi è meglio.

p.s hai ragione che la pista è molto piu stressante, per la moto in generale, che poi dipende dalla pista, piste da motore o piste da misto con molte frenate.
Ovviamente neanche la mito era fatta per venir giu dalla montagna a tromba con staccate ogni 200m, e li il limite dell'impianto è arrivato.

Messaggio modificato da Fly44 il 26 dicembre 2020 - 10:27


#18 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 26 dicembre 2020 - 11:33

Visualizza MessaggioFly44, il 26 dicembre 2020 - 10:25, ha scritto:

Hai ragione, erano piu che altro considerazioni antecedenti al fatto di cimentarti in un impresa simile, anche l impianto della Mito 1 non è cosi scarso, i tuoi problemi di mordente come dici, potevano derivare da altro.
I treccia li ho montati anche io ai tempi, ma in pista non giravo, poi a causa del collaudo sono tornato agli originali, che tra l altro non sono ho dovuto farmeli fare identici da una ditta.
Le pastiglie sicuramente fanno molto, e quando ho letto brembo blu, mi sono subito venuti in mente i tempi di quando le montavo e, boh per me nisba, non mi piacciono.
Le rosse per me sono gran belle pastiglie, grattano molto quello te lo dico, difatti il mio disco originale non ha terminato la vita con un bell'aspetto.
Il disco maggiorato flottante piu che altro è quello che forniscono ora, e secondo me 5mm al posto di 4mm, comportano un riscaldamento minore del disco che non essendo un carboceramica, non lavora a temperature da sballo.

Nel tuo caso, essendo già la pinza flottante, in teoria non è essenziale ma leggevo di altra gente che lo monta lo stesso e flottante con flottante male non gli ha fatto. riesce a correggerti molte cose in fatto di appoggio sulla superficie.
il liquido freno beh quella è stata una parentesi ma cmq essenziale, mai dimenticarlo.

Leggevo della pompa, sei sicuro che i diametri del pompante sono gli stessi?
se leggi nelle guide tecniche trovi tutte le specifiche delle pompe dei pompanti e maggiorazioni.
Ovviamente avrai un comportamento diverso, modulabilità o potenza, fatti un giro potresti trovare cose utili.

l adattamento della pinza alle non rovesciate, personalmente a me gli adattatori sulla pinza del freno non piacciono e mai li farò, molti li fanno funzionano ma fidarsi è bene non fidarsi è meglio.

p.s hai ragione che la pista è molto piu stressante, per la moto in generale, che poi dipende dalla pista, piste da motore o piste da misto con molte frenate.
Ovviamente neanche la mito era fatta per venir giu dalla montagna a tromba con staccate ogni 200m, e li il limite dell'impianto è arrivato.

Ho controllato e il diametro della pompa che monto ora è da 13, quindi dovrebbe essere già un incremento rispetto a quella di serie da 12.
Si quelle pastiglie non piacciono nemmeno a me, ma per quella pinza avevo trovato solo quelle ( le rosse brembo non le fa per quella pinza).

Leggevo la guida e non accenna al fatto che anche il disco anteriore da 4 non si flottante.
Il liquido freni ha un anno, e ancora ha un bel colore chiaro quasi come da nuovo.


All'inizio ero scettico anche io, però facendo delle ricerche su internet ne ho trovati un sacco e da quello che vedo non hanno grosse accortezze.

#19 Fly44

    Mitomane Tosto

  • Membri Effettivi
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • Iscritto il: 14-febbraio 12
  • Gender:Male
  • Moto: Mito II
  • Provincia: Other Country
  • Regione: Other Country

Inviato 26 dicembre 2020 - 15:40

Perdonami non ero al corrente che le rosse non sono fornite.
Riguardo al disco non so se la guida é gia aggiornata, ormai qualsiasi ricerca fai per disco serie oro cagiva mito esce sempre quello,
Il ragno centrale é diverso, é flottante e non poco, a confronto l originale è fisso. spesso 5mm.
Se trovi foto della modifica gia fatta gli darei un occhiata volentieri per curiosità.

Messaggio modificato da Fly44 il 26 dicembre 2020 - 15:41


#20 nicola_bartoletti

    Novellino

  • Novizi
  • Stelletta
  • 14 Messaggi:
  • Iscritto il: 30-ottobre 17
  • Moto: Mito I
  • Provincia: Forlì-Cesena (FC)
  • Regione: Emilia Romagna

Inviato 26 dicembre 2020 - 16:00

Visualizza MessaggioFly44, il 26 dicembre 2020 - 15:40, ha scritto:

Perdonami non ero al corrente che le rosse non sono fornite.
Riguardo al disco non so se la guida é gia aggiornata, ormai qualsiasi ricerca fai per disco serie oro cagiva mito esce sempre quello,
Il ragno centrale é diverso, é flottante e non poco, a confronto l originale è fisso. spesso 5mm.
Se trovi foto della modifica gia fatta gli darei un occhiata volentieri per curiosità.

Tranquillo, io avevo controllato direttamente sul sito brembo per le pastiglie.
Della modifica già fatta ho trovato le foto, ma sono fatte tutte da lontano e non si capisce molto, vedi bene la pinza, la forcella ma non si vede la piastra per adattarla.

Ho trovato su un gruppo facebook un ragazzo che l'ha fatta e gli ho scritto, vediamo se è così gentile da fornire un disegno oppure foto da più vicino.

Messaggio modificato da nicola_bartoletti il 26 dicembre 2020 - 16:02






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi